Sono aperte le Iscrizioni al Workshop di “Dialoghi d’identità / Siamo esattamente le nostre foto” a cura di Luca Bortolato. Il Prossimo sabato 24 marzo 2018

Il Workshop si svolgerà Sabato 24 Marzo presso il Gav , Via G. Bretagna 48 – Firenze, e avrà come obiettivo un dialogo e un confronto identitario fra noi stessi e le immagini che realizziamo.

Attestato di frequenza per tutti i partecipanti. Info: [email protected] / cell 338 8572459.

Il Workshop si svilupperà attorno al dialogo identitario fra noi stessi e le immagini che produciamo. Esse sono lo specchio del nostro modo di osservare e recepire, di metabolizzare e relazionarci, una cartina tornasole del nostro percorso, delle nostre partenze e dei nostri arrivi: un modo per analizzarci nel profondo. Le immagini diventano libri da leggere a sé stessi, per sé stessi. Cercheremo di convincerci che possiamo riconoscerci attraverso il nostro lavoro e proveremo a gettare le basi di un linguaggio, un proprio modo di parlare attraverso sé stessi e l’altro. Attraverso esercizi specifici e la condivisione e il confronto sulle immagini presentate e realizzate durante il laboratorio si darà forza e concretizza a un concetto apparentemente semplice e scontato: noi siamo esattamente le nostre foto. Tutte le immagini che produciamo, sono il riflesso di noi stessi. Realizziamo cioè, sempre, un vero e proprio autoritratto, qualsiasi sia il soggetto rappresentato, esso conterrà inevitabilmente una parte di noi stessi. Consapevoli di questo, la nostra fotografia diventa anche un percorso interiore, un’autoanalisi. (Luca Bortolato)

Programma dettagliato del Workshop:

Ore 9-13 / 1a parte: Dialogo e riflessioni / Coesione e condivisione

– Lo spunto iniziale sarà l’ultimo lavoro del docente, un diario intimo che porta avanti da più di un anno, con il quale si presenterà e comincerà ad individuare gli elementi sinergici del gruppo.

– Successivamente i partecipanti presenteranno 10 foto che chiediamo loro di portare, spiegheranno il perché della scelta e il confronto sarà fra tutti i partecipanti. Sarà il loro modo di presentarsi. Cercheremo insieme di individuare i punti di forza/debolezza di ogni foto/mini serie, guidando ognuno a poterle sviluppare e/o rafforzare.

– Alla fine di ogni analisi, verrà chiesto a ciascun partecipante di spingersi ad esporre un nuovo pensiero, costringendolo a mettersi in gioco, senza compromessi analitici ed estetici.

Ore 13 / Pausa pranzo

Ore 15-19 / 2a parte: Azione e confronto

– I partecipanti dovranno produrre, tutti nella stessa posizione e in pochi minuti, n°4 istantanee di uno stesso, apparentemente, identico soggetto. Firmeranno nel retro ogni istantanea senza guardarla, per confermarne poi la paternità.

– Tutte insieme, successivamente, le istantanee realizzate saranno sparse su di un tavolo. Immagini apparentemente tutte uguali. Ognuno dovrà riconoscere le proprie 4 foto, conscio del fatto che lui stesso è parte di quella sua personale visione, che ogni singola immagine gli appartiene per osmosi: lui è quella foto.

– Si analizzeranno insieme, alla fine, i motivi del riconoscimento e del non riconoscimento e come poterli utilizzare nel proprio percorso fotografico.

Luca Bortolato. Innamorato delle Immagini da sempre, gli studi di design industriale lo portano ad avvicinarsi alla fotografia e collaborare con molti fotografi. Nasce da subito la sua profonda indagine nell’identità che vive in modo intimo, psicologico, con una vena malinconica e silenziosa. Dal 2008 espone in Italia e all’estero in personali e collettive. Crea parallelamente un percorso didattico, sintesi degli anni di lavoro su sé stesso. Collabora con il MART di Rovereto (TN), con educatori e associazioni nella creazione di percorsi nei quali riconoscersi e analizzarsi attraverso le immagini. Dieci anni di ricerca fotografica, dieci anni di autoritratti.

Informazioni e Preiscrizioni:

Mobile: 338 8572459

Mail: [email protected]

Web: www.deaphoto.it

Post correlati