Collettivo Collirio – Tutto il Mondo in una Scuola

Opening: 27 maggio 2017, dalle 11.30 alle 13.30

Dal 29 maggio al 30 giugno 2017, dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 16.00. Dal 1° al 31 luglio, dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 14.00.

Istituto Comprensivo Statale Scialoia, via V. Scialoia 21, 20161, Milano.

Con il patrocinio e il contributo del Municipio 9 del Comune di Milano.

‘Tutto il mondo in una scuola’ il progetto di arte pubblica del Collettivo Collirio, action group milanese dell’Inside Out project di JR, uno dei graffitisti più celebri del panorama internazionale. Il progetto che vede il patrocinio e il sostegno del Municipio 9 del Comune di Milano e il supporto dello stesso JR, sarà in esposizione sulle pareti della palestra della scuola Scialoia, scuola del Circuito Unesco, dal prossimo 27 maggio al 31 luglio 2017.

Da dove nasce Tutto il mondo in una scuola. Il Collettivo Collirio è composto da sette fotografi di diverse provenienze, impegnati nella fotografia intesa come strumento di analisi sociale e di intervento sul territorio. La scuola Scialoia, istituto comprensivo di Affori, situato fra Bovisa, Affori e Niguarda, vive lungo un’ideale linea di confine fra centro e periferia, e ricopre un ruolo importante di cerniera culturale sul territorio fra culture diverse: il 60% degli studenti della scuola è di origine straniera.

Gli artisti del Collettivo hanno voluto, attraverso lo strumento del ritratto, raccontare la realtà multicolore della scuola Scialoia. Secondo il loro statement, le immagini della scuola Scialoia sono quelle di una generazione composta da ragazzi e bambini di tante nazionalità, che vivono, studiano e giocano insieme. In questa scuola, imparano a condividere le loro origini. Grazie a questa installazione artistica, vogliamo mostrare agli abitanti del quartiere e alla città di Milano la loro bellezza senza confini.

Gli obiettivi di indagine sociale del Collettivo Collirio presentano delle analogie molto forti con quelli che caratterizzano il laboratorio fotografico mondiale messo in opera dallo street-artist francese JR.

Chi è JR? JR è lo pseudonimo di un fotografo e artista francese, nato a Montfermeil, vicino a Parigi, nel 1983. Inizialmente opera come graffitista, fino a quando non trova nella metropolitana una macchina fotografica. Decide di scattare dei ritratti ai giovani del quartiere popolare di Les Bousquet e di affiggere illegalmente i loro ritratti in formato gigante sui muri della città, creando, una sorta di expo de rue, mostra di strada capace di dialogare con le persone e il territorio.

Da quel momento JR viaggia in diversi luoghi del mondo, fra Israele, Brasile, Sierra Leone, Liberia, Kenya, India, Cambogia, coinvolgendo le persone del luogo come soggetti dei suoi ritratti. In altre parole, racconta le realtà politiche e sociali nascoste (inside) attraverso l’immagine fotografica affissa sui muri sotto forma di poster, mettendola sotto gli occhi di tutti (out).

L’Inside Out Project di JR. Nel 2011 questa metodologia di lavoro si trasforma, grazie al TED Prize, in un’iniziativa artistica globale partecipativa: l’Inside Out Project permette a tutti coloro che vogliano farne parte di parlare delle istanze importanti delle loro comunità attraverso il potere comunicativo del ritratto fotografico affisso in strada in formato poster. L’Inside Out Project è un cantiere di sperimentazione di fotografia sociale globale al quale tutti possono aderire, beneficiando della visibilità mondiale che deriva dall’adesione al progetto. Il collettivo Collirio, che ha fatto di partecipazione e impegno sociale gli emblemi della sua poetica, ha trovato in Inside Out Project uno sbocco naturale della sua azione. JR ha riconosciuto ufficialmente il valore di Tutto il mondo in una scuola, assicurando al progetto supporto mediatico e finanziario. A questo sostegno è seguito quello del Municipio 9 del Comune di Milano.

Il collettivo nell’arco di un mese di lavoro ha realizzato 269 ritratti ai bambini, ai professori e al personale della scuola Scialoia. Questi scatti in formato manifesto saranno affissi sulle pareti esterne della palestra della scuola, che non solo è luogo simbolico vissuto da tutti i ragazzi dell’istituto, ma anche dotato di una posizione privilegiata, tale da produrre il corto circuito fra interno ed esterno: infatti, questa si affaccia sul nodo autostradale della Milano – Meda, rendendola quasi uno sbocco visivo sulla città Milano e i suoi dintorni.

L’apertura al pubblico dell’installazione è garantita dalla scuola per assicurare la partecipazione attiva degli abitanti del quartiere e della città al progetto. La dirigente dell’istituto Scialoia, la dott.ssa Ida Morello non solo ha salutato ed ha avallato il progetto, ma ha dichiarato che ‘l’istituto Scialoia è una scuola colorata perché la frequentano bambini e ragazzi che parlano cinese, arabo, spagnolo, filippino, rumeno, russo… e ovviamente Italiano. In questa realtà il progetto Inside Out è stato un vero percorso interculturale che ha visto il coinvolgimento diretto di bambini verso la realizzazione di un’opera d’arte collettiva. La partecipazione a questo progetto è stata per noi anche il volano per sviluppare altre attività didattiche all’interno della scuola che ne fossero la naturale integrazione’.

Collettivo Collirio, è un gruppo nato con la finalità di realizzare progetti partecipativi di fotografia sociale in cui viene meno l’autorialità dei singoli fotografi, in favore della dimensione collettiva. La goccia di collirio che pulisce l’occhio è la metafora di un uso della fotografia finalizzato a vederci chiaro, a interpretare con lucidità la realtà sociale che ci circonda.

I fotografi sono:

Matteo Bernabé nasce a Pavia nel 1985, è diplomato in fotografia analogica e digitale presso il CFP Bauer di Milano, con una specializzazione in fotografia di scena, gestita con le tecniche analogiche.

Tiziano Berti, nato a Firenze nel 1987 è laureato in Design & Engineering al Politecnico di Milano nel 2013. Lavora come progettista e tecnico di fabbricazione digitale nel Fab Lab Opendot.

Sabrina Casiroli, nata a Milano nel 1981, è laureata in Scienze dell’Educazione. Si diploma come fotografa professionale al CFP Bauer, sviluppando un approccio al mezzo fotografico di tipo terapeutico/emozionale, in cui il corpo costituisce il veicolo per raccontare storie proprie o altrui.

Andrea Isola, nasce a Milano nel 1963. Lavora come Progettista nelle telecomunicazioni, mentre tiene corsi sullavfotografia americana. Pratica la fotografia di reportage e di scena.

Marianna Faraci, nata a Catania nel 1978, vive a Milano. Laureata in Letteratura moderna e contemporanea, ha due Master, in Comunicazione e in Management. Comunicatrice pubblica di professione, lavora nella Pubblica Amministrazione. La fotografia è il suo terzo occhio.

Luigi Mosca, nasce a Cercola in provincia di Napoli nel 1981, e vive e lavora a Milano. Ha partecipato a numerose mostre fotografiche, in Italia e nel mondo.

Desirèe Sacchiero nasce a Varese nel 1986. Laureata in decorazione all’Accademia delle Belle Arti di Brera, prosegue gli studi all’Istituto Italiano di Fotografia diplomandosi. Vive e lavora a Milano come fotografa e assistente, collaborando con compagnie teatrali.

  1. Nato in Francia in 1983, lavora fra Parigi e New York, ha vinto il TED Prize nel 2011.

 

Per maggiori informazioni sulle visite

Istituto Comprensivo Statale Scialoia

Via V. Scialoia 21, 20161

Segreteria

02 8844 6365

e-mail: miic8cg002@istruzione.it

 

Collegamenti esterni

www.collettivocollirio.org/

www.insideoutproject.net/en

www.icscialoia.gov.it

Post correlati