A Torino, al Museo Nazionale del Risorgimento, dal 1 marzo al 1 maggio 2018 una mostra fotografica che ricerca e racconta come forse mai si sia fatto finora un aspetto poco rivelato: la fede in Dio e il dovere di combattere in nome di Dio, oggi come ieri.

Centodieci scatti realizzati dai fotoreporter Roberto Travan e Paolo Siccardi. 

Inaugurazione aperta al pubblico
mercoledì 28 febbraio 2018, dalle ore 18:00 alle 19:00

Museo del Risorgimento Palazzo Carignano, P.zza Carlo Alberto 8 – Torino

Repubblica Centrafricana, Sud Sudan, Kosovo, Siria, Afghanistan, Israele, Ucraina: sono solo alcuni dei luoghi del mondo devastati negli anni più recenti e ancora oggi da guerre. Magari scoppiate per motivi diversi (politici, economici, etnici), ma tutte accomunate da una sottile linea rossa, non sempre visibile, capace però di alimentare conflitti che per questo paiono non poter finire: la religione, il dovere di combattere in nome di Dio.

Nasce da qui Arma il prossimo tuo. Storie di uomini, conflitti, religioni. Una mostra fotografica che racconta le testimonianze raccolte nelle trincee, nelle chiese e nelle moschee distrutte, tra le popolazioni ridotte in miseria e disperazione. Una ricerca che Roberto Travan, autore del progetto, ha realizzato con Paolo Siccardi. I due fotoreporter hanno selezionato tra le centinaia di fotografie scattate in conflitti sovente lontani dai riflettori dell’informazione: le vittime nei campi di battaglia, i villaggi depredati, i profughi in fuga. Ne emerge un aspetto sinora poco raccontato: la fede in Dio.

La mostra è organizzata dal Museo Nazionale del Risorgimento Italiano, in collaborazione con il Consiglio regionale del Piemonte, con il supporto di Fujifilm Italia.

Centodieci scatti che catturano l’attenzione e generano forti emozioni. A condurre il visitatore le parole del giornalista Domenico Quirico: “Queste foto sono lampi di crudo dolore. La guerra e i segni di dio: piccoli e grandi, pendagli e lapidi, chiese e moschee, segni tracciati sui muri e scritte che gridano dio come documentano queste fotografie strazianti che grondano ancora dolore. La fede ottiene dall’essere umano ciò che nessun’altra dottrina ha mai ottenuto. Nel bene e nel male”.

Il progetto vuole dunque fare emergere i modi in cui la fede viene vissuta nelle zone teatro di conflitti. Si tratta di un’idea originale che sfrutta appieno il potere delle immagini rispetto ad altri mezzi di comunicazione. Il linguaggio scelto infatti è quello della fotografia di reportage, genere che coniuga ricerca personale e rigore giornalistico e garantisce una narrazione omogenea e profonda, in linea con la tradizione del fotogiornalismo di guerra.

L’esposizione è suddivisa in quattro macro aree:

Balcani (Bosnia, Serbia, Kosovo, Albania)

Europa e Caucaso (Ucraina, Nagorno-Karabakh)

Medio Oriente (Afghanistan, Iraq, Cisgiordania, Golan, Siria, Israele)

Africa (Repubblica Centrafricana, Sud Sudan)

Luoghi in cui si continua a pregare. E a uccidere e morire in nome di Dio

La mostra si realizza grazie al sostegno di Fujifilm Italia. “Questa iniziativa rientra in un ampio progetto di diffusione della cultura fotografica e documentaristica, di cui siamo promotori da anni, con iniziative che facciano riscoprire a un pubblico sempre più vasto l’importanza dell’immagine, sia come mezzo espressivo sia come linguaggio artistico, affermandola come pratica sociale – afferma Guglielmo Allogisi, EI General Manager Fujifilm Italia, e conclude – Abbiamo poi riconosciuto nel Museo Nazionale del Risorgimento la giusta cornice per esporre il momento storico che stiamo vivendo; il Museo, con i suoi spazi aulici e una nuova vocazione all’apertura e alla contaminazione di stili e generi, è divenuto parte stessa del contenuto narrativo.” La cultura fotografica vista dunque non solo come mezzo espressivo, ma anche come pratica sociale e linguaggio artistico.

“Dopo la pittura, la musica, l’arte contemporanea e il cinema, era giunto il momento di ospitare al Museo Nazionale del Risorgimento anche la fotografia – dichiara il direttore Ferruccio Martinotti – Lo facciamo con una mostra coraggiosa che idealmente fa dialogare la contemporaneità con gli scatti realizzati da James Robertson sui campi di battaglia durante la guerra di Crimea tra il 1855 e il 1856 ed esposti nelle nostre sale, uno dei primi esempi di foto reportage di guerra giunti sino a noi.”

Arma il prossimo tuo sarà aperta al pubblico dal 1 marzo al 1 maggio 2018.

__________________________________________________________________________

Roberto Travan

Giornalista professionista e fotografo indipendente si è specializzato in reportage di guerra e sociale.

Ha seguito il conflitto in Afghanistan “embedded” con la missione militare ISAF a Kabul, Herat e Shindand. In Kosovo – al seguito del contingente Nato KFOR – ha documentato le tensioni etniche tra la comunità serba e quella albanese. Nella Repubblica Centrafricana – dilaniata dalla lotta tra cristiani anti Balaka e musulmani Séléka scoppiata nel 2013 – ha raccontato l’emergenza umanitaria e lintervento della missione militare internazionale EUFOR Rca. Dal 2015 segue gli scontri tra le forze ucraine e gli indipendentisti filorussi per il controllo del Donbass: nel 2017 era ad Avdiivka nei giorni del drammatico assedio alla città, costato decine di vittime. Nel 2015 ha realizzato il primo di due servizi fotografici sul conflitto in Nagorno-Karabakh, la piccola Repubblica caucasica che nel 1992 ha dichiarato lindipendenza dallAzerbaigian. Ha inoltre seguito le proteste popolari in Armenia e in Tunisia. In Israele ha recentemente documentato la vita quotidiana degli ebrei ortodossi a Gerusalemme. I suoi reportage sono stati pubblicati principalmente da La Stampa– giornale in cui lavora dal 1989 – e tradotti in diverse lingue.

Nel 2017 ha fondato il collettivo fotografico Walkabout-Ph

Paolo Siccardi

Giornalista e photoreporter free-lance, è autore di diversi libri e mostre fotografiche: dal 2000 collabora con il settore Esteri del settimanale Famiglia Cristiana.

Inizia il percorso professionale negli Anni 80, alla fine degli Anni di Piombo, documentando a Torino i primi processi per terrorismo e le lotte operaie. Tra i suoi lavori più significativi quello sul conflitto in Afghanistan, dall’occupazione sovietica nel 1986 fino alla missione ISAF nel 2009.

Nel 1987 segue la rivoluzione Sandinista contro i guerriglieri Contras. È in Giordania il 17 gennaio, giorno in cui scoppia la Prima Guerra del Golfo. Per dieci anni documenta i conflitti nellex-Jugoslavia

e i cambiamenti geo-politici nellarea balcanica. È poi la volta del Medio Oriente, la Siria e lAlto Golan al confine con Israele. In Africa realizza alcuni servizi sui conflitti e le emergenze umanitarie in Senegal, Costa dAvorio, Benin, Togo e Sud Sudan. Nel 2012 è in Siria durante l’assedio di Aleppo. Due anni dopo ha iniziato a documentare lesodo delle popolazioni in fuga verso l’Europa. Dal 2015 segue il conflitto ucraino del Donbass.

I suoi reportage, prevalentemente a carattere sociale, sono stati pubblicati dalle più importanti testate giornalistiche: il Venerdì di Repubblica, Time International, Der Spiegel, Geo Japan, The Guardian, Courrier International.

 Informazioni generali sulla mostra

Titolo: ARMA IL PROSSIMO TUO. Storie di uomini, conflitti, religioni

Sede: Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, piazza Carlo Alberto 8

Periodo: dal 1 marzo al 1 maggio 2018, dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 18 (ultimo ingresso ore 17.00), lunedì chiuso

Biglietto unico mostra + museo: 10 euro, ridotto 8 euro gratis Abbonamento Musei e altre card

Info: www.museorisorgimentotorino.it

Post correlati