Giovanni Gastel Vintage Polaroids 1981 – 1997, a cura di Nicola Davide Angerame e Valerio Tazzetti, dal 22 Settembre al 28 Ottobre 2017

PHOTO&CONTEMPORARY, Via dei Mille 36 TORINO

www.photoandcontemporary.com

Benjamin insegna che la latenza dell’originale impoverisce la fotografia rispetto alla pittura. La Polaroid, al contrario, mi ha sempre suscitato la meraviglia e offerto la poesia dell’attimo infinito, nel senso che la Polaroid è unica; procura enorme emozione a chi ne scatta o ne possiede una, poiché essa è la fotografia elevata a massima potenza. La Polaroid produce un’interruzione del tempo che crea una cristallizzazione e lo fa con una potenza che il negativo non ti può dare. Per me significava vivere nella tensione data dalla sensazione di come il fotografo si giochi tutto in quel momento e senta di non avere alternativa… sai che quando ricaricherai il dorso della macchina non avrai più quella specifica relazione con il soggetto, sai che quell’attimo è bruciato, finito per sempre, un’andata senza ritorno.

 Giovanni Gastel

 

PHOTO&CONTEMPORARY è lieta di presentare una selezione di POLAROIDS 20 x 25 cm. realizzate dal noto fotografo milanese Giovanni Gastel tra gli anni 1981 e 1997 e già presentate al Palazzo della Triennale di Milano nell’autunno del 1997 in una mostra curata da Germano Celant e raccolte in un volume per l’editore Idea Books di Milano.

Cultore della sperimentazione e dei materiali Polaroid, Gastel ha introdotto nella fotografia di moda e di ritratto contemporanea alcune modalità espressive peculiari quali le tecniche “old mix”, “a incrocio”, le rielaborazioni pittoriche e gli eterogenei e sorprendenti accostamenti di oggetti nello still-life

 

Post correlati