“I made them run away”: Martina Zanin a Spazio Labo’

Spazio Labo’ presenta

Martina Zanin

I made them run away

a cura di Laura De Marco

29 ottobre 2021 – 14 gennaio 2022
Spazio Labo’ | Photography
Strada Maggiore 29, Bologna

I made them run away è la mostra personale della fotografa Martina Zanin, a cura di Laura De Marco, che apre il nuovo calendario delle mostre fotografiche e degli appuntamenti culturali di Spazio Labo’.  

I made them run away è una storia a più livelli che intreccia insieme immagini di famiglia e fotografia con testi scritti dalla madre dell’artista. Raccoglie ricordi del passato e sentimenti presenti per indagare le dinamiche delle relazioni – il bisogno di attenzione, le aspettative che causano disillusione, insicurezza e giudizio. 

Spostandosi tra i diversi punti di vista, Zanin descrive il ricorrente complicato rapporto tra lei, sua madre e l’uomo, non costante, per lo più rappresentato come un’assenza all’interno del lavoro. È una storia che rappresenta la maternità sotto un’accezione differente – come una donna in cerca di amore e in lotta con la solitudine – e l’adolescenza, dando spazio a quei sentimenti che spesso sono negati alle ragazze, e alle donne, come la rabbia, il disgusto, il dolore e il potere.

Fantasticando su un uomo che non è mai riuscita ad avere, la madre dell’artista scrive i suoi pensieri e desideri all’interno di un diario intitolato Lettere ad un Uomo Mai Avuto. Gli scritti poetici e malinconici, si scontrano con le fotografie di famiglia strappate, delle quali la madre ha conservato solamente la sua figura, o quella della figlia, strappando via tutti i suoi ex-compagni, creando degli oggetti saturi di rabbia e solitudine. Ogni altra foto è da intendere come la ricostruzione di sentimenti e sensazioni passate venute a galla nel presente. Questo intreccio di punti vista ha creato un dialogo tra madre e figlia in due momenti diversi di tempo, esplorando la transizioni dei sentimenti all’interno delle relazioni, come compassione e rabbia, amore e odio, e l’influenza del passato, che gioca un ruolo fondamentale nelle relazioni presenti e future.

In occasione della mostra sarà possibile consultare e acquistare il libro autografato I made them run away di Martina Zanin (Skinnerboox, 2021).

Inaugurazione mostra:

  • venerdì 29 ottobre, dalle ore 19 alle ore 21 (ingresso libero)

Visita guidata con l’autrice:

Orari di apertura:

  • dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 19 (ingresso libero consentito ai soli possessori di Green Pass)

 

Martina Zanin

Martina Zanin (1994) è un’artista visiva nata a San Daniele del Friuli. Si è diplomata con lode in Fotografia all’Istituto Superiore di Fotografia di Roma e ha conseguito il Master in Fotografia Contemporanea presso l‘Istituto Europeo di Design di Madrid.

La sua pratica artistica, legata alle sue esperienze personali, affronta vari temi tra i quali sono centrali la memoria, le relazioni e le emozioni. Utilizza la fotografia associata ad altri media, come la scrittura, il materiale d’archivio, il video, e il suono, creando così una narrativa a più livelli all’interno della quale gli spazi di narrazione e le percezioni si intrecciano. Il suo linguaggio visivo è caratterizzato da un’espressione poetica. Zanin seleziona, sovrappone e/o mette in sequenza le immagini seguendo una struttura nella quale queste parlano fra loro, determinando associazioni visive e dinamiche con l’intento di andare oltre ciò che è visibile.

Zanin è l’autrice di I Made Them Run Away pubblicato da SKINNERBOOX (2021). È vincitrice del premio Camera Work 2021 e di Cantica21.Italian Contemporary Art Everywhere, promosso da MAECI e MiC. È stata nominata per il Foam Paul Huf Award 2019 e C/O Berlin Talent Award 2020, ed è finalista di Giovane Fotografia Italiana #8, Premio Francesco Fabbri 2020 e Luma Rencontres Dummy Award Arles 2021.

Il suo lavoro è stato esposto in mostre personali e collettive in istituzioni, gallerie, festivals, e spazi no profit a livello europeo. Nel 2019 ha preso parte alla residenza d’artista SAM Residency Program. Zanin è rappresentata da studiofaganel, Gorizia. 

Spazio Labo’ – Centro di fotografia

Spazio Labo’ è un centro multifunzionale fondato nel 2010 a Bologna dedicato alla diffusione della cultura fotografica contemporanea.

Lo spazio ospita mostre ed eventi con fotografi e artisti visivi sia emergenti che affermati in campo internazionale, tra cui George Georgiou, Rob Hornstra, Mayumi Suzuki, Federico Clavarino, Mathieu Asselin, Larry Fink, Richard Renaldi, Alba Zari, e molti altri.

Spazio Labo’ è anche sede di una scuola di fotografia che ha l’obiettivo di formare i nuovi fruitori del linguaggio fotografico di domani attraverso dei percorsi di alta formazione con docenti di esperienza internazionale.

Spazio Labo’ è fondato e diretto da Roberto Alfano e Laura De Marco e si trova all’interno di Palazzo Bonfioli Rossi, nel centro storico a Bologna in Strada Maggiore 29. 

www.spaziolabo.it