Lettura del libro di Michele Smargiassi

Lettura del libro di Michele Smargiassi

Il 17 novembre sarà presentata la lettura sceneggiata del libro di Michele Smargiassi

Triennale Milano, in collaborazione con Fondazione Forma per la Fotografia, presenta la lettura sceneggiata di “Voglio proprio vedere Interviste impossibili ma non improbabili ai grandi fotografidi Michele Smargiassi, edito da Contrasto per la collana In parole, con la partecipazione di Betta Cucci nel ruolo di Tina Modotti.

Il libro raccoglie sei interviste immaginarie ad altrettanti grandi fotografi del passato: Robert Capa, Nadar, Tina Modotti, Vivian Maier, Eugène Atget e W. Eugene Smith, sei incontri straordinari con persone straordinarie.

Nella prima parte dell’incontro, l’autore racconterà origine, carattere e contenuti del libro. A seguire approfondirà specificamente la figura di Tina Modotti per introdurre la seconda parte, che è una lettura a due voci, insieme all’attrice Betta Cucci, che interpreterà Tina Modotti.

Giornalista, scrittore e cultore della fotografia, Michele Smargiassi risale anacronisticamente il tempo per porre a tutti alcune domande sulla loro vita e sulle loro opere.

Nella finzione letteraria Smargiassi incontra dunque Nadar, personalità unica della fotografia dell’Ottocento e padre del ritratto contemporaneo; Robert Capa, forse il più celebre fotogiornalista della storia, tra i fondatori dell’agenzia Magnum; Vivian Maier, la taciturna bambinaia-fotografa scoperta casualmente da un giovane americano pochi anni prima della sua morte. E poi ancora Eugene Smith, geniale fotografo di Life, al quale è stato dedicato il più importante premio per il fotogiornalismo; Eugène Atget, mozzo, attore e fotografo, celebre per le sue vedute di Parigi; infine Tina Modotti, fotografa, militante politica e attrice, nata in Italia ma la cui vita si è divisa tra gli Stati Uniti e il Messico dove morì in circostanze misteriose.
Nelle pagine del libro, originale ibrido di saggio e fiction, attraverso le parole (ritrovate o immaginate) di sei personalità complesse e affascinanti, Smargiassi cerca di indagare alcuni temi cruciali della cultura fotografica: il mestiere e il ruolo sociale del fotografo, la narrazione delle immagini, la guerra e l’impegno, il rapporto con lo spettatore, la fotografia anonima. E soprattutto cerca la risposta a una domanda che risuona da quasi duecento anni: perché fotografiamo?

I Partner Istituzionali Eni e Lavazza, l’Institutional Media Partner Clear Channel e il Technical Partner ATM sostengono Triennale Milano anche per questo progetto.

Michele Smargiassi

Michele Smargiassi è giornalista professionista da oltre trent’anni, prima a “L’Unità” poi a “La Repubblica”, dove si è occupato di cronaca e cultura. Coltiva la sua passione per la storia sociale e l’antropologia della fotografia scrivendo articoli e saggi (uno dei quali, sulla fotografia familiare, e apparso sugli annali della Storia d’Italia Einaudi), curando mostre e pubblicazioni, collaborando con musei e istituzioni, tenendo conferenze e corsi. Tra i suoi libri: Un’autentica bugia. La fotografia, il vero, il falso (Contrasto, 2009), Sorridere (Contrasto, 2020). Fa parte del direttivo della Societa Italiana di Studi di Fotografia e dei comitati scientifici del Centro italiano per la fotografia d’autore di Bibbiena e della Fondazione Nino Migliori. Cura il blog Fotocrazia su “La Repubblica”.

 

Public Program

17 novembre 2021, ore 18.30
Lettura sceneggiata di “Voglio proprio vedere Interviste impossibili ma non improbabili ai grandi fotografi” di Michele Smargiassi con la partecipazione di Betta Cucci nel ruolo di Tina Modotti

Triennale Milano

viale Alemagna 6 | 20121 Milano
T. +39 02 724341 | www.triennale.org