Inaugura martedì 30 giugno alle ore 11 nella Sala Leopardi della Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III di Napoli la finestra sull’attualità dedicata alle donne di “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare” nell’edizione 2015.

 

Nell’esposizione, aperta al pubblico fino al 16 luglio, le tre fotografe Cristina Mastrandrea, Michela Fabbrocino e Zoe Vincenti mostreranno, in un contesto unico per “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare” 2015, i propri sguardi di donne sulle donne del Mediterraneo.

 

 

I progetti fotografici delle tre autrici sono:

 

– “La primavera siamo noi” di Cristina Mastrandrea

– “Madri in lutto” di Michela Fabbrocino

– “I fiori del male” di Zoe Vincenti

 

Questi progetti risultano un atto d’amore e di conoscenza verso le donne del Mediterraneo che mettono in mostra quanto in modi differenti ma sempre attraverso gesti che rappresentano il genere femminile, le donne di tutto il Mediterraneo lottino per la propria autodeterminazione e siano in questo più vicine di quanto si creda.

 

Il dialogo intergenerazionale e quello interdisciplinare in questo progetto espositivo si intrecciano amalgamando in un tutt’uno, che crea domande e pone dubbi, l’intero percorso espositivo. Generi e linguaggi dialogano e si confrontano per una fotografia sempre più vicina al fattore “umano”, alla persona e alla sua socialità come valore essenziale.

 

Infatti “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare” nell’edizione 2015 ha raccolto attraverso un bando pubblico una serie di progetti fotografici dedicati ai temi del rapporto tra cibo, cultura e mercati. La giuria composta da Beppe Bolchi, Clelia Belgrado e Aniello Barone ha selezionato un numero di fotografi alcuni dei quali, Francesco Fratta, Gianluca Capri, Linda de’ Nobili, Luigia Bersani e Sandro Lombardo, sono in mostra fino al 3 luglio all’Archivio di Stato di Napoli.

 

La manifestazione “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”, è organizzata e promossa da “Lo Cunto” Associazione di Promozione Sociale, senza scopo di lucro, ed ha il Patrocinio della Commissione Europea, dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, di UniMed, Unione delle Università del Mediterraneo, di Issm-Cnr, Istituto per gli Studi delle Società del Mediterraneo-Cnr.

Post correlati