La scelta della fotocamera. “Palla difficile” cit.: Amarcord/Fellini

Oggi, nella scelta della fotocamera, è innanzitutto possibile scegliere tra lo scattare in digitale o in analogico. Qui mi soffermerò solo sull’analogico, e con particolare riferimento al formato 135, tralasciando quasi del tutto il formato 120, giusto un accenno, che a sua volta e  nuovamente è un’altra scelta di linguaggio di scatto, senza contare, naturalmente, il grande formato.

Cosa è successo in questi ultimi 120 anni?

È stato inventato il rollfilm, innanzitutto in formato 120, le fotocamere sono diventate più piccole e leggere e utilizzabili anche senza treppiedi, è stato aumentato il numero di fotogrammi disponibili senza dover cambiare ad ogni scatto la chassis, in questo modo le fotocamere sono “uscite” dagli studi fotografici e sono diventate di pubblico dominio.

È stato inventato il formato 24x36mm, ad opera di Oskar Barnack, ingegnere delle Leitz che è arrivato a concepire la fotocamera Leica partendo da un progetto completamente differente, utilizzando la pellicola cinematografica, facendola scorrere anziché in verticale in orizzontale, e portando a 36  – con alcuni modelli Leica 250 – le pose disponibili.

È stato inventato il sistema reflex, ovvero un pentaprisma che permetteva di traguadare l’immagine direttamente attraverso l’obiettivo, prima sulla italiana Contaflex e poi sulla tedesca Contax S.

Nikon con il Photomic produsse la prima fotocamera con l’esposimetro incorporato nel pentaprisma, successivamente Topcon introdusse la lettura TTL.

Konica, con la compatta C35 AF produsse la prima fotocamera autofocus, mentre la prima reflex autofocus fu la Pentax ME-F nel 1981 a cui seguì, nel 1983, la Nikon F3AF. La prima Canon AF, con l’invenzione del sistema EOS, venne prodotta nel 1987.

 

Leggi l’articolo completo

 

 


Gerardo Bonomo, giornalista, è stato redattore delle principali testate di tecnica fotografica italiana e docente di fotografia.
Si occupa di fotografia bianco e nero da oltre quarant’anni.
I suoi articoli sono disponibili sul portale www.gerardobonomo.it, i suoi video sul canale Youtube.

Post correlati