Milano PhotoWeek 2018 | appuntamenti speciali

Qui di seguito gli appuntamenti speciali che costelleranno la MILANO PHOTO WEEK 2018

PALAZZO REALE | appuntamenti

Lectio Magistralis

Sala delle Cariatidi 6 – 8 giugno

Che cosa si nasconde dietro una fotografia?

Tre fotografi-artisti di fama internazionale si raccontano in una lezione aperta al pubblico.

Tre modi diversi di intendere la fotografia: dalla sfida fotogiornalistica di Alex Majoli, alla narrazione quasi teatrale di Lise Sarfati fino alla progettualità artistica di Armin Linke.

Progetto ideato e curato da ArtsFor_ con il supporto di BNL Gruppo BNP Paribas.

mercoledì 6 giugno, ore 19.00 | Alex Majoli Be yourself

Alex Majoli racconta il suo percorso professionale, a partire dai lavori che hanno segnato la ricerca di un grande fotografo del nostro tempo.

Be yourself, questo è il messaggio che accompagna l’intervento: che cosa significa rimanere se stessi nel mondo della fotografia oggi? Nel percorso di Majoli, la storia personale e il contesto geografico e culturale nel quale vive si contaminano per dare forma a un linguaggio unico: un invito a cercare la propria strada.

giovedì 7 giugno, ore 19.00 | Lise Sarfati Il teatro della fotografia

La fotografia di Lise Sarfati è sospesa tra realtà e messinscena. Di fronte alle sue immagini non sappiamo se credere ai nostri occhi oppure trattarle come il risultato di un raffinato processo di ricostruzione. Nel suo lavoro si incontrano e si scontrano la tradizione fotografica, tesa alla documentazione del vero, e il suo ribaltamento nel contemporaneo, per cui nessuna rappresentazione ottenuta attraverso un obiettivo risulta più credibile. Spesso abitate da figure isolate in ambienti dalla forte carica simbolica, le fotografie di Sarfati si avvicinano così al teatro. L’azione è bloccata o infinitamente ripetuta. Il palcoscenico è il mondo intero.

Modera Francesco Zanot.

venerdì 8 giugno, ore 19.00 | Armin Linke Il dubbio della fotografia

Il lavoro di Armin Linke si concentra da oltre vent’anni sul tema del cambiamento. Gli effetti della globalizzazione, la crescita delle metropoli su scala mondiale e l’aumento esponenziale dei flussi di informazione e comunicazione costituiscono alcuni dei processi trasformativi che il fotografo mette al centro del suo obiettivo. Uomo, ambiente e tecnologia sono i tre elementi che innescano o subiscono questa trasformazione. Linke li osserva e li rappresenta attraverso la fotografia, che a sua volta si rivela contemporaneamente strumento d’indagine e soggetto privilegiato della sua ricerca, in una continua alternanza tra conoscenza (scienza) e incertezza.

Modera Francesco Zanot.

 

World Press Photo Digital Storytelling Contest

Sala delle Cariatidi 8 – 10 giugno

Per la prima volta in Italia l’ottava edizione del premio Digital Storytelling firmato World Press Photo. Una giuria internazionale ha selezionato dodici produzioni video, tra le migliori forme di giornalismo visuale nelle categorie immersive, storytelling innovativo, long form e short form che saranno proiettate durante le tre giornate.

 

Davide Monteleone | Newsha Tavakolian | Nicola Lo Calzo Ampie     Vedute:       storie       di       fotogiornalismo Sala delle Cariatidi 8 – 10 giugno

Tre incontri su temi di attualità, tre conversazioni tra fotografi, giornalisti di “Internazionale” ed esperti nella Sala delle Cariatidi a Palazzo Reale. Un progetto Milano PhotoWeek in collaborazione con “Internazionale”.

venerdì 8 giugno, ore 21.00 | Davide Monteleone

Il primo appuntamento vede protagonista il fotografo Davide Monteleone che racconta La nuova via della seta in conversazione con Giuseppe Gabusi (Università di Torino) e Junko Terao (“Internazionale”). Davide Monteleone ha percorso e immortalato con le sue fotografie il progetto infrastrutturale più ambizioso del mondo: la nuova via della seta. Lanciato dalla Cina nel 2013, questo percorso collegherà sessantotto paesi, in cui vive il 65% degli abitanti della terra e che producono il 30% del PIL globale.

sabato 9 giugno, ore 19.00 | Newsha Tavakolian

Il secondo incontro coinvolge la fotografa iraniana Newsha Tavakolian (Magnum Photos) in conversazione con Francesca Sibani (“Internazionale”). Con le sue immagini tra fotografia artistica e documentaria, Newsha Tavakolian racconta la solitudine dei giovani della classe media a Teheran, le cantanti iraniane che nessuno può ascoltare, le pagine di un album di famiglia nell’Iran di oggi, i ritratti e le storie delle combattenti curde in Siria.

domenica 10 giugno, ore 12.00 | Nicola Lo Calzo

Cham di Nicola Lo Calzo è il tema del terzo appuntamento. Schiavitù e memoria: per sette anni Lo Calzo ha viaggiato dalle coste dell’Africa occidentale ai Caraibi e al sud degli Stati Uniti in cerca delle tracce lasciate dalla tratta degli schiavi africani. Riti e tradizioni che testimoniano una storia di dolore ma anche di resistenza. Il fotografo ne parlerà con la scrittrice Igiaba Scego.

 

PALAZZO REALE | mostre

In piena luce. Nove fotografi interpretano i Musei Vaticani

Palazzo Reale 24 maggio – 30 giugno

Nove fotografi interpretano i Musei Vaticani: Bill Armstrong, Peter Bialobrzeski, Antonio Biasiucci, Alain Fleischer, Francesco Jodice, Mimmo Jodice, Rinko Kawauchi, Martin Parr e Massimo Siragusa.

In piena luce è un progetto nato per creare il primo fondo di fotografia contemporanea nelle Collezioni dei Musei Vaticani. Questa esigenza si è trasformata in un’occasione di sperimentazione: fare di un luogo storico, politico, multiculturale, “rituale”, ovvero pienamente simbolico, come i Musei Vaticani, l’oggetto del lavoro creativo e interpretativo di una serie di artisti internazionali, diversi per prospettive di ricerca, formazione, stile e provenienza.

Una mostra promossa e prodotta dal Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale e Musei Vaticani, in collaborazione con Contrasto, la mostra è a cura di Micol Forti e Alessandra Mauro.

 

Praga: da una primavera allaltra. Liberazione 1945 | Occupazione 1968

Un omaggio alla città di Praga con due mostre che testimoniano vicende che sono imprescindibilmente parte della storia dell’Europa del XX secolo: la liberazione che ha avuto luogo nel maggio 1945, il periodo in cui Josef Sudek ha realizzato i suoi scatti, e la Primavera di Praga che porta questo nome in ricordo del breve periodo in cui è tornata la tanto desiderata democrazia, poi interrotta e soffocata nell’agosto 1968 con l’arrivo delle truppe del Patto di Varsavia.

Josef Sudek: Topografia delle macerie. Praga 1945

Palazzo Reale 5 giugno – 1 luglio

Da una insolita collezione di quasi quattrocento immagini di Josef Sudek, sia documentarie sia artistiche, che catturano edifici distrutti, sculture disarmate o misure di protezione antincendio e antiaereo, nasce una mostra che presenta quaranta foto inedite sotto forma di nuovi ingrandimenti.

Alla fine della seconda guerra mondiale, nel 1945, Josef Sudek (1896 – 1976) ha documentato, nelle strade di Praga, i danni della guerra.

Una mostra Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale, in collaborazione con Centro Ceco di Milano e Expowall.

A cura di Istituto di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca a Praga.

La Primavera di Praga 1968-1969

Palazzo Reale 5 – 24 giugno

22 fotografi, 4 archivi, 45 immagini per raccontare la Primavera di Praga del 1968, dall’arrivo delle truppe il 21 agosto 1968 all’auto-immolazione di Jan Palach nel gennaio 1969.

Immagini inedite, rimaste nascoste per molti anni per il timore che fossero considerate atti di eversione. Oggi, a cinquant’anni di distanza dagli eventi che costituirono un momento di frattura all’interno della sinistra europea, riprendono vita e significato, testimoniano un’epoca e obbligano a una riflessione.

Una mostra Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale, in collaborazione con Centro Ceco di Milano e Expowall. A cura di Dana Kyndrovà e Pamela Campaner.

 

Palazzo Reale 5 – 18 giugno

Che cosa cambia quando si osserva un posto di lavoro non semplicemente come luogo di produzione, ma come espressione di una comunità che gli affida i propri racconti e progetti?

Un viaggio per narrare la vita dei luoghi e delle persone che si intrecciano nel tessuto industriale e sociale di un territorio, all’interno di uno scambio continuo e reciproco di esperienze, valori, radici e talenti. #PlacesthatMatter è il nuovo progetto di Whirlpool EMEA dedicato a raccontare le comunità dove opera attraverso le immagini di Alessandro Imbriaco e le interviste di Laura Leonelli, che descrivono il legame tra territorio e azienda in una dimensione in cui i luoghi non sono più semplici posti di lavoro, dalla Russia al Sudafrica.

Una mostra Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale, progetto di Whirpool EMEA.

 

Cinema       all’aperto Palazzo Reale 4, 7, 10 giugno

Nel cortile di Palazzo Reale, Anteo presenta tre film per parlare di fotografia attraverso il cinema: lunedì 4 giugno, 21.45 | JR & Agnes Varda, Visage Village

giovedì 7 giugno, 21.45 | Alfred Hitchcock, La finestra sul cortile

domenica 10 giugno, 21.45 | Yann Arthus-Bertrand, Human

 

LA TRIENNALE DI MILANO | appuntamenti e mostre

 

Urban Transformation Magnum Photos Scholarship con Alex Majoli la Triennale 20 maggio – 7 giugno

Dieci borse di studio e una menzione d’onore assegnate a giovani fotografi internazionali per partecipare a una masterclass con il fotografo Magnum Photos Alex Majoli.

Un progetto Magnum Photos, con il supporto di BNL Gruppo BNP Paribas in collaborazione con la Triennale Milano e Milano ArchWeek, ideato e curato da ArtsFor_.

Un’opportunità straordinaria per undici giovani dai 18 ai 30 anni: dopo l’assegnazione delle borse di studio per una masterclass, dal 20 maggio al 7 giugno, Urban Transformation prende avvio con l’obiettivo di sviluppare progetti fotografici che raccontino la trasformazione urbana. In occasione di Milano PhotoWeek e nella tradizione dell’impegno di Magnum Photos per i fotografi emergenti, gli undici partecipanti selezionati tramite open call hanno la possibilità di perfezionare la loro pratica fotografica, confrontandosi con un fotografo di rilievo ed esperienza come Majoli. Un racconto, tramite proiezioni, ospitato da la Triennale di Milano il 7 giugno, vedrà protagonista Alex Majoli e i lavori dei giovani fotografi realizzati durante il periodo di masterclass.

 

ABITANTI

la Triennale 9 giugno – 9 settembre inaugurazione 8 giugno, ore 19.00

Il Museo di Fotografia Contemporanea presenta negli spazi de la Triennale di Milano la mostra conclusiva del progetto di committenza pubblica ABITARE. Saranno esposti i lavori di sette giovani artisti incaricati di interpretare le nuove modalità di abitare gli spazi nella tensione che unisce privato e pubblico, indagando la relazione tra dentro e fuori, reale e virtuale, individuale e collettivo.

Il progetto è promosso da MiBACT in collaborazione con la Triennale e MUFOCO.

 

Luigi Ghirri. Il paesaggio dellarchitettura

la Triennale 25 maggio – 26 agosto

Una visione inedita del celebre fotografo emiliano mette in luce l’importanza della sua opera nell’ambito dell’architettura. Lavorando con la rivista “Lotus international” dal 1983 per circa un decennio, Ghirri ha portato nell’architettura un nuovo modo di guardare, capace di comprendere il progetto in relazione agli aspetti contraddittori e alle aporie dei paesaggi contemporanei. L’architettura e il paesaggio si configurano così, nell’opera matura di Ghirri, come un soggetto privilegiato.

 

BASE MILANO

BASE Milano ospita un ricco ed eterogeneo palinsesto di iniziative. Da un focus su autori emergenti grazie a Vandals, alla proiezione di alcuni dei più interessanti film sulla fotografia in collaborazione con

Wanted Cinema, alle celebrazioni dello storico premio Ponchielli, fino al debutto milanese della fiera d’arte torinese Paratissima.

 

Vandals

Base 4 – 9 giugno

Vandals è un’occasione di promozione della fotografia emergente tramite mostre, proiezioni, incontri, dj-set e una libreria dedicata alle edizioni indipendenti.

 

I vincitori del Premio Ponchielli

Base 5 giugno ore 19.00

Un incontro dedicato ai quindici vincitori della storia del Premio Ponchielli, istituito da GRIN (Gruppo Redattori Iconografici Nazionale) in ricordo di Amilcare G. Ponchielli, il primo grande photo editor italiano. Il premio viene assegnato annualmente a un fotografo per completare un progetto e per contribuire alla realizzazione di una mostra. Partecipano all’incontro alcuni vincitori delle varie edizioni.

 

Shot! Grandi fotografi su grande schermo

Base 5 – 10 giugno

Wanted Cinema propone una rassegna che omaggia alcuni tra i più grandi e conosciuti fotografi della storia grazie a una serie di proiezioni di film e anteprime nazionali. L’anteprima nazionale di Monk with a Camera di Tina Mascara e Guido Santi e l’anteprima internazionale di Garry Winogrand: All Things Are Photographable di Sasha Waters Freyer.

 

Paratissima

Base 6 – 10 giugno

Paratissima, kermesse internazionale di arte contemporanea nata a Torino, approda per la prima volta a Milano: artisti selezionati e gallerie d’arte con una particolare attenzione alla fotografia, cui sarà dedicata la sezione Ph.ocus About Photography, un cartellone di incontri, dibattiti, workshop.

 

GAM MILANO

The Reverie Project di Martina Bacigalupo e Sharon Sliwinski 9 giugno ore 19.00

The Reverie Project è un’installazione video in fieri che presenta una serie di ritratti realizzati inizialmente in occasione di un incontro con una comunità di accoglienza di migranti a Ginevra. Il progetto continuerà in un centro di accoglienza di minori non accompagnati a Parigi e in altri luoghi. Con questo lavoro, Martina Bacigalupo e Sharon Sliwinski mettono in discussione la nostra modalità di rappresentazione: le esigenze politiche giustificano la volontà di rendere tutto visibile, anche quando farlo significa violare la dignità umana? Le autrici rivendicano il diritto di ciascuno di decidere come raccontare la propria esperienza, arrivando fino al cosiddetto “diritto all’opacità” sostenuto dal teorico martinicano Edouard Glissant.

 

FONDAZIONE STELLINE

Michael Wolf, Life in cities fino al 22 luglio

Life in cities è la prima grande mostra in Italia dedicata a Michael Wolf, artista e fotografo tedesco. Una retrospettiva che celebra la relazione tra densità umana e architettura urbana: quasi 150 opere da sei celebri serie, dedicate alla complessità delle città moderne, fino ai lavori che testimoniano i primi anni di attività come fotografo documentarista.

Lifes in cities, a cura di Wim van Sinderen e Alessandra Klimciuk, è realizzata da Fondazione Stelline in collaborazione con Fotomuseum Den Haag / The Hague Museum of Photography.

Nell’ambito della mostra, Fondazione Stelline organizza un public program, a cura di Giulia Zorzi con Micamera, declinato sul tema della rappresentazione e della vita nelle città.

mercoledì 6 giugno, ore 19.00 | Michael Nyman. Tre partiture urbane. Immagini e musica

Uno dei più innovativi compositori viventi che, parallelamente all’attività musicale, si dedica da tempo alla fotografia e alla regia, presenta tre opere che intrecciano suoni e immagini della città.

giovedì 7 giugno, ore 19.00 | Michael Wolf. Life in cities Lecture dell’autore.

 

ARMANI/SILOS

Paolo Ventura Racconti immaginari fino al 29 luglio

Paolo Ventura racconta un mondo immaginato, tra narrazione e gioco, dove le diverse forme espressive sono il mezzo per avvicinare il sogno alla realtà. Il fotografo trasformista propone un importante gruppo di opere, oltre cento tra fotografia, oggetti, scenografia e installazioni, accuratamente selezionate per rappresentare il suo percorso evolutivo.

mercoledì 6 giugno, ore 19.00 | incontro con Paolo Ventura, W. M. Hunt e Walter Guadagnini

 

FONDAZIONE PRADA OSSERVATORIO

Torbjørn Rødland: The Touch That Made You fino al 20 agosto

Torbjørn Rødland: The Touch That Made You è un progetto concepito e presentato inizialmente da Serpentine Galleries a Londra, a cura di Hans Ulrich Obrist e Amira Gad. La mostra riunisce una selezione di più di quaranta opere fotografiche e tre video realizzati tra il 1999 e il 2016 dall’artista norvegese Torbjørn Rødland. Celebre per i suoi ritratti, le nature morte e i paesaggi, Rødland unisce alla chiarezza formale tipica dell’immagine commerciale uno sguardo personale e poetico, attraverso il quale trasforma parti anatomiche, oggetti quotidiani ed elementi naturali in feticci ambigui.

 

FRIGORIFERI MILANESI

Cineserie 6 giugno

Una serie di incontri legati alla fotografia e alla Cina, in collaborazione con Micamera.

6 giugno, ore 17.00 Jacopo Benassi presenta il lavoro inedito Meiwo, una storia da Guangzhou e Ilaria Turba il progetto Cinesi in Italia.

6 giugno, ore 18.00 presentazione della mostra dei lavori sulla Chinatown di Milano degli studenti del politecnico di Milano a cura di Alessandro Casinovi e Melina Mulas.

6 giugno, ore 19.00 presentazione del lavoro di Lu Nan Trilogy: Inferno / Purgatorio / Paradiso (1989 – 2004).

 

MUSEO DI FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA, CINISELLO BALSAMO

Corpi di Reato fino al 10 giugno

Nella sede di Cinisello Balsamo il Museo di Fotografia Contemporanea presenta Corpi di Reato, un progetto di Tommaso Bonaventura e Alessandro Imbriaco che affronta il tema della mafia rileggendo il territorio italiano grazie a una fotografia esatta e non retorica, che ribalta l’immaginario legato alla cronaca. Le fotografie cercano il senso di uno scenario mutato, lontano dallo scontro violento degli scorsi decenni.

 

PALAZZO LITTA

Mappe 7 – 17 giugno

inaugurazione 7 giugno, 12.00 – 19.00

La mostra è il terzo appuntamento di Palazzo Litta Cultura, progetto nato dalla collaborazione tra MiBACT e MoscaPartners, insieme a MIA Photo Fair come curatore delle mostre di fotografia. Il progetto indaga le condizioni di diversi paesi attraverso le opere di quattro artisti provenienti da Spagna, Messico, Iran e Turchia: Manu Brabo, Alejandro Cartagena, Shadi Ghadirian e Servet Koçyigit.

 

SAMSUNG DISTRICT

Dal tramonto allalba 7 giugno

Le scuole di fotografia milanesi sono state chiamate per raccontare la notte, “il tempo nel quale sparisce la luce”, un momento nel quale vedere significa voler immaginare.

La notte di Milano verrà narrata attraverso dieci progetti fotografici di giovani studenti scelti tra i migliori talenti delle scuole specializzate attive in città. I dieci selezionati hanno l’opportunità di partecipare a un workshop di tre giorni con il fotogiornalista americano Christopher Morris per affinare la propria capacità di raccontare storie, eventi e situazioni, grazie alla fotocamera del Samsung Galaxy S9+, che consentirà loro di esprimere la propria creatività con immagini di alta qualità, in qualsiasi condizione di luce. I risultati saranno presentati in un incontro aperto al pubblico alla presenza dell’autore.

 

LEICA GALERIE MILANO

Mestieri in posa set fotografico 4 – 10 giugno

Il progetto ideato da Leica Camera Italia vede coinvolti alcuni fotografi professionisti, dai grandi nomi della fotografia ai più giovani talenti emergenti, che si alterneranno per l’intera PhotoWeek su un set fotografico a cielo aperto nello spazio antistante il Leica Store per realizzare una serie di ritratti di persone e mestieri.

 

When ethics meets aesthetics

Leica Galerie Milano 4 – 26 giugno

Esiste un territorio comune tra etica ed estetica in campo fotografico? Partendo da questo interrogativo, Alessia Glaviano e Francesca Marani hanno selezionato i progetti fotografici di dieci autori di PhotoVogue capaci di mettere in discussione come rappresentiamo noi stessi e il mondo.

 

GALLERIA CARLA SOZZANI

World Press Photo 2018. Incontro con alcuni dei vincitori italiani premiati nel 2018

6 giugno, ore 19.00

Un talk con Alessio Mamo, Francesco Pistilli, Fausto Podavini moderato da Denis Curti.

 

CASA CORONA

Un bar fotografico 5 – 8 giugno

Casa Corona, il nuovo temporary bar promosso da Birra Corona diventa un vero e proprio bar fotografico. Per tutta la settimana, una selezione di libri dedicati alla fotografia e ai viaggi in consultazione per tutti e dal 5 all’8 giugno le proiezioni dei migliori reportage selezionati dall’archivio dell’agenzia Parallelozero: storie di uomini e della loro relazione con il mondo. Ogni sera, alle immagini si sommano le parole: i fotografi di Parallelozero raccontano i loro progetti, oltre a due momenti speciali:

martedì 5 giugno workshop gratuito sullo storytelling attraverso l’utilizzo di uno smartphone e sulla condivisione attraverso i social media. Tema del workshop: il tramonto a Milano, le immagini saranno proiettate domenica 10 giugno.

sabato 9 giugno serie di letture portfolio gratuite con esperti e operatori del settore (photo editor, direttori di festival di fotografia, referenti di case editrici, etc).

 

UNICREDIT PAVILION

Walkabout. Book In Progress By Icon Design 5 – 12 giugno

Una mostra fotografica che si ispira al viaggio di un libro che passa di mano in mano, o meglio di studio in studio. Studi di designer, architetti, illustratori, fotografi, stilisti che hanno trasportato sulle pagine di Walkabout una testimonianza della loro creatività, costruendo un racconto unico, legando il proprio “capitolo” a quello precedente. Il risultato è un racconto inaspettato, un’autentica sonata a più voci da leggere, sfogliare, ascoltare, toccare.

 

Info e programma completo: www.photoweekmilano.it

Post correlati