Extra Solar Hot Zone ©Claudia Fuggetti
Extra Solar Hot Zone ©Claudia Fuggetti

Open call GFI #10: iscriviti al Premio Luigi Ghirri 2023!

Sei una fotografa o un fotografo under 35?

Se sei di nazionalità italiana, anche residente all’estero, oppure straniera ma con residenza in Italia, hai tempo fino al 6 gennaio 2023 per partecipare al bando, inviando un progetto in linea con il tema Appartenenza.

Una giuria internazionale selezionerà 7 progetti che vinceranno un premio in denaro e saranno esposti in una mostra collettiva, a cura di Ilaria Campioli e Daniele De Luigi,  nel programma di Fotografia Europea 2023 (28 aprile – 11 giugno 2023).

Durante le giornate inaugurali del festival i progetti finalisti concorreranno inoltre per l’assegnazione di altri importanti riconoscimenti:

  • Premio Luigi Ghirri del valore di 4.000 euro: chi vincerà il premio avrà anche l’opportunità di esporre una versione più ampia e completa del proprio progetto in una mostra personale in Triennale Milano nell’inverno 2024.
  • Nuove traiettorie. GFI a Stoccolma: GFI inaugura una partnership con l’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma con la nascita della menzione “Nuove traiettorie”, che verrà assegnata dalla giuria del Premio Luigi Ghirri a uno dei finalisti in accordo con il Direttore dell’Istituto. Il premio consisterà in una residenza presso l’Istituto, che in seguito condurrà alla produzione di una mostra originale.

Per info

Consulta il bando

Il tema della call: Appartenenza

La cultura visiva e l’immagine fotografica possono farci reimmaginare il concetto di identità e aprire la prospettiva a nuovi modi di intendere l’appartenenza?

“Il senso di appartenenza è un bisogno fondamentale dell’essere umano in quanto “animale sociale”, secondo la celebre definizione di Aristotele: si tratta di un istinto connaturato, il cui contrario sarebbe l’assenza di qualunque tipo di legame. Tuttavia, molti fenomeni nel corso dell’ultima generazione (dalla rivoluzione digitale e delle telecomunicazioni alle migrazioni, fino ai progressi della scienza) hanno messo in discussione le strutture sociali e relazionali a cui eravamo abituati. Oggi è più che mai evidente la tensione tra diversi modi di intendere l’appartenenza: da una parte l’inclusione in una comunità dall’identità già definita, che a seconda dei contesti può essere forma di oppressione o di resistenza; dall’altra una spinta libertaria ad aderire a nuove forme di collettività sulla base di scelte valoriali: dalle microcomunità come nucleo di possibili “utopie realizzabili”, alla costruzione di aree culturali più vaste – come la stessa Europa -, fino a nuovi concetti globali come l’appartenenza di specie teorizzata da Martha Nussbaum o quella olistica alla Natura; senza contare le relazioni di appartenenza che investono la sfera più intima.

La fotografia e la cultura visiva hanno contribuito in maniera significativa, giocando tuttora un ruolo importante, a formare le nostre idee di identità e di appartenenza, a definire chi è dentro e chi resta fuori. Lo scrittore indiano Amitav Ghosh da anni è impegnato a suggerire un cambio di paradigma, mettendo al centro delle proprie narrazioni tutto ciò che normalmente è lasciato fuori, tessendo storie che partono dal punto di vista della natura – le spezie, le piante, gli animali, i vulcani – e dei suoi profondi conoscitori, come gli sciamani, per ricordarci che è solo attraverso una contro narrazione che è possibile ritrovare un equilibrio tra le parti.

La cultura visiva può allora farci reimmaginare il concetto di identità? Mostrarci cosa succede nello spazio sottile tra l’appartenere e l’avere accesso, e in quello ampio e instabile tra determinismo sociale e libertà individuale? L’aggregazione di diverse tipologie di immagini – scattate con dispositivi tradizionali, generate dagli utenti o dalle macchine e poi eventualmente condivise sui social network – che caratterizza la contemporaneità può essere in grado di generare un cambio nella visione, scardinando la narrazione ufficiale, aprendo la prospettiva verso nuovi modi di intendere l’appartenenza ad un sistema più vasto e complesso?”

(Ilaria Campioli, Daniele De Luigi)