Una manifestazione rinnovata e ricca di contenuti, un format evoluto intorno alle nuove dimensioni degli utenti del mondo Imaging. Chiude la quindicesima edizione di PHOTOSHOW, l’evento promosso da AIF – Associazione Italiana Foto & Digital Imaging che per tre giorni – dal 23 al 25 ottobre 2015 – ha messo in scena le tendenze del settore in termini di prodotti e servizi ma anche un fitto calendario di workshop, seminari, incontri con autori, mostre fotografiche.

 

 

La nuova cornice dell’evento, il Superstudio Più di Milano, si è dimostrata una location dinamica e contemporanea adeguata a ospitare una manifestazione che per la prima volta ha voluto uscire dagli spazi fieristici per fare emergere la forza comunicativa ed emozionale della fotografia, avvicinandosi al pubblico di utenti sempre più numeroso che gravita attorno alle immagini. Le 17.800 presenze registrate nei tre giorni costituiscono il segnale di una manifestazione che è stata in grado di rinnovarsi con successo e di offrire un programma di proposte e contenuti di grande interesse. Il dato di affluenza è tanto più interessante se si tiene conto che per la prima volta era stato previsto l’ingresso a pagamento.
Moltissimi i fotografi professionisti e gli operatori commerciali che anno potuto approfittare di questa occasione per stringere accordi commerciali o rinnovare i propri contatti con aziende e operatori. Importante è stato anche l’afflusso delle scuole medie, superiori e degli studenti di fotografia: oltre un migliaio di studenti delle prime due categorie, accompagnate dai propri insegnanti, ha visitato la manifestazione nella giornata d’apertura, mentre gli allievi dei corsi professionali hanno visitato gli stand e le aule dei seminari con una certa regolarità nel corso di tutte e tre le giornate.
Anche l’allargamento dei riferimenti alla fotografia con il cellulare, cui sono stati dedicati 4 mostre, 5 seminari e una lettura portfolio, ha contribuito ad attrarre un pubblico più giovane rispetto a quello che abitualmente partecipava alle precedenti edizioni. 
“Attraverso Photoshow abbiamo voluto aggregare la molteplicità di aspetti legati all’Imaging Il nuovo evento ha rappresentato non più e non soltanto un momento espositivo ma un luogo di esperienze, dove le tante occasioni dedicate all’aggiornamento, alla formazione e alla cultura hanno coinvolto professionisti e appassionati”- dichiara Massimiliano Ceravolo, Presidente di AIF. E prosegue: “We Are Image è l’espressione che raccoglie il senso che abbiamo voluto dare alla manifestazione: molteplicità di strumenti e molteplicità di utilizzatori in una nuova definizione di questo settore”.
Spazi espositivi e aree eventi hanno caratterizzato l’ampio respiro di questa nuova edizione di Photoshow, il cui programma è stato reso possibile grazie alle collaborazioni messe in atto da AIF e da Vision Plus, l’event agency che ha curato la realizzazione dell’evento, con le Aziende espositrici e con i brand Partner di Photoshow.
I 140 marchi del mondo Imaging presenti si sono proposti al pubblico con l’obiettivo di fare scoprire le ultime tecnologie e soluzioni per la produzione, il salvataggio e la trasmissione dati, l’editing, la post-produzione, la stampa, la condivisione e l’archiviazione delle immagini, ma hanno anche offerto un’esperienza coinvolgente, incoraggiando gli utenti a provare sul campo i prodotti, ricevere i consigli e gli approfondimenti da parte dei propri esperti o anche partecipare ai tanti momenti ludici.
Da sottolineare l’ingresso a Photoshow del mondo delle action Camera, con la presenza di GoPro e Nilox, i primi due players del mercato domestico, e il grande ritorno della stampa fotografica, che sta conoscendo una nuova primavera. Videomakers, professionisti del cinema, registi e operatori hanno potuto aggiornarsi sulle ultime tendenze del settore video grazie a IBTS Italian Broadcast & Technologies Show, la manifestazione dedicata al broadcasting, al video professionale e alle nuove tecnologie digitali che si è svolta all’interno di Photoshow, facendo convergere per la prima volta il mondo video e quello fotografico. IBTS ha incluso un’edizione speciale del Villaggio TuttoDigitale in collaborazione con Cinema Show, con oltre 20 momenti di alta formazione tra seminari, incontri, workshop e convegni.
Numerose le iniziative e gli eventi proposti sui palchi delle quattro tematiche di Photoshow 2015 – Fashion, Food, Design, Art & Landscape – ove sono stati allestiti i più diversi set fotografici per consentire ai visitatori di cimentarsi nello scatto, arricchiti da oltre 30 workshop fotografici gestiti da professionisti che hanno fornito consigli e suggerimenti, aiutando a
migliorare le proprie tecniche.
Affollati anche i 60 seminari – a ingresso libero – organizzati nei tre giorni di Photoshow presso le sale del nhow milano, che hanno consentito ai visitatori di avvicinare esperti e grandi maestri della fotografia e di aggiornarsi sui temi di maggior interesse quali certificazione, diritto d’autore, proprietà intellettuale, stampa fine art, etica delle immagini e social network, fotografia sportiva, fotografia subacquea, fotografia di matrimonio, storytelling per immagini e gli Instagramers.
Molto apprezzata l’ampia parte dedicata alla cultura fotografica, con:
– le otto esposizioni del circuito di Photofestival Milano che hanno messo a confronto alcuni grandi autori sui temi centrali di Photoshow: Nino Migliori e Francesca Moscheni sul tema del cibo, Giovanni Gastel e Aldo Fallai sulla moda, Franco Donaggio e Giuseppe Pino sul Design, Nicolò Quirico e Daniele Cametti Aspri sulla fotografia di Arte e Paesaggio.
il progetto #WeareIgersMilano, a cura di Filippo e Maurizio Rebuzzini in collaborazione con Igersmilano (la comunità milanese degli Instagramers), stampata da Epson in puro stile phone-photography, che ha messo in mostra la fotografia in uso e veicolata attraverso i Social Network
le mostre di Riccardo Venturi, già vincitore di un World Press Photo Award, Giorgio Cosulich de Pecine e dei contributors di Picwant, che hanno mostrato il lato autoriale della Mobile Photography a Photoshow grazie all’agenzia fotografica Picwant
– Il gemellaggio con MIA Photo Fair realizzato attraverso tre appuntamenti su diritto d’autore, collezionismo fotografico e stampa Fine Art vista nella collaborazione tra fotografo e stampatore
Il progetto promosso da AIF di un Distretto diffuso dedicato alla Fotografia in Zona Tortonauna delle più dinamiche e creative di Milano, ha riscosso interesse anche da parte di Aziende e realtà del settore fotografico che, pur non avendo aderito a Photoshow, hanno deciso di realizzare le proprie iniziative in contemporanea nella stessa zona.
“Il successo di questo Photoshow ci ripaga degli sforzi compiuti per costruire un evento rinnovato volto a diffondere la cultura della fotografia e dell’imaging e ci sprona a metterci all’opera per organizzare edizioni future ancora più ricche di contenuti e coinvolgenti. AIF è già in contatto con Enti e Organizzazioni interessati a far vivere Photoshow anche in sedi differenti da Milano e Roma.” – conclude Massimiliano Ceravolo

Post correlati