UIncontri informali fra e con i fotografi per parlare di fotografia.

Un Progetto Deaphoto a cura di Sandro Bini e Giovanni De Leo.

Libreria Brac, Via dei Vagellai 18r 50122 Firenze / www.libreriabrac.net

Domenica 13 Gennaio alle ore 17 presso il La Libreria Brac di Firenze è stata inaugurata la Seconda Parte del Programma di “Un tè con i fotografi #2”, appuntamenti mensili organizzati da Deaphoto a cura di Sandro Bini e Giovanni de Leo. Lo spirito di questi appuntamenti, che riprendono il fortunato format delle precedenti “Colazioni con i fotografi” (2015-1017) non è quello formale della presentazione-intervista di autori, della conferenza o della presentazione editoriale, ma quello informale di un talk fra fotografi e appassionati di fotografia, che vogliono parlare e confrontarsi sulle questioni e le vicende della fotografia contemporanea, creando occasioni di conoscenza, confronto, crescita culturale e convivialità. Ogni appuntamento vede la presenza di un esperto. (che ha la funzione di catalizzare, grazie alla sua specifica esperienza e competenza, il tema del dibattito) e di un tema di discussione. Gli appuntamenti si ripeteranno una domenica al mese da Gennaio a Marzo. Di seguito la Seconda Parte del programma.

2a Parte del Programma


Domenica 10 Febbraio ore 17 > Leo Brogioni, Fotografia e Multimedialità
Con Leo Brogioni fotografo, giornalista e docente esperto di produzioni multimediali, discuteremo di un nuovo approccio al giornalismo di approfondimento e documentazione che vede convergere e collaborare la fotografia con differenti linguaggi audiovisivi su piattaforme multimediali on line.

Domenica 17 Marzo ore 17 > Vinicio Drappo, Erotismo e Fotografia

Con Vinicio Drappo fotografo del Gruppo Istanti / Fotografia e Cultura di Perugia, ci confronteremo sul tema dell’erotismo in fotografia (soprattutto nella produzione contemporanea) partendo ovviamente dal suo approccio e dalla visione delle sue immagini, per indagarne i possibili approcci.

Associazione Culturale Deaphoto / www.deaphoto.it

Deaphoto è un’Associazione Culturale no-profit che dal 2001 si occupa di fotografia con attività didattiche, espositive, editoriali, di progettazione e documentazione, iniziative di ricerca e studio, promozione, divulgazione, recensione e critica. L’intenzione è quella di promuovere la fotografia nel quadro di una forte socialità, sentita quale unico veicolo per un autentico coinvolgimento emotivo e intellettuale nell’analisi delle problematiche contemporanee.

Post correlati