Un tè con i fotografi #3 Appuntamenti per parlare di fotografia a cura di Sandro Bini e Giovanni De Leo

Libreria Brac, Via dei Vagellai 18r / Firenze

 

Dom 9 Febbraio ore 17 > Francesca Donatelli

Fotografia e Collage con Francesca Donatelli, fotografa professionista attiva da circa un anno nella realizzazione di Collage artistici. Parleremo dei rapporti della fotografia col Collage, dalle sue origini novecentesche fino alla riscoperta di questa tecnica nelle produzioni artistiche contemporanee, e delle varie modalità e strategie operative in cui materiali visivi eterogenei possono confluire nella produzione di nuovi sensi (poetici, politici e sociali). Il tutto ovviamente a partire dalla sua esperienza e dalle sue recenti realizzazioni in questo ambito della ricerca visiva contemporanea.

Francesca Donatelli, nata nel 1978 in provincia di Arezzo, in Toscana, dove vive e lavora, dopo gli studi classici e una laurea in Architettura a Firenze ha frequentato un corso di fotografia professionale presso la Shootinstitute di Bologna. Per alcuni anni ha portato avanti la professione di architetto fino a quando ha aperto il suo primo Studio Fotografico a Bibbiena. A marzo 2016 ha trasferito l’attività a Poppi, dove continua ad occupasi professionalmente di fotografia di matrimonio e di ritratto. Contemporaneamente all’attività professionale ha portato avanti una ricerca fotografica personale, lavorando a diversi progetti fotografici, stimolata da incontri e workshop con fotografi ed artisti di fama internazionale. Ha esposto i suoi lavori fotografici in vari festival come il Sifest Off di Savignano sul Rubicone, Garfagnana Fotografia e il Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena. Da sempre appassionata di arte in tutte le sue forme, da circa un anno ha incontrato il Collage, una forma libera di assemblaggio di materiali visivi eterogenei in cui riunire e combinare liberamente le sue passioni e le sue intuizioni visive.

 

Dom 8 Marzo ore 17 > Agnese Oporto e Giammaria De Gasperis (RVM Magazine)

Pubblicare una rivista fotografica con Agnese Oporto e Giammaria De Gasperis, rispettivamente editrice e direttore editoriale di RVM Magazine. Parleremo della modalità di pubblicazione di una rivista fotografica nel panorama editoriale contemporaneo, dalle questioni gestionali, organizzative e finanziarie, a quelle della scelta di una precisa linea editoriale e grafica, in grado di renderla sostenibile e competitiva a livello internazionale.

Giammaria De Gasperis ha frequentato la facoltà di Beni Culturali e Ambientali a L’Aquila. È co-fondatore e Direttore Editoriale di Rvm Magazine (2007-oggi) e co-socio fondatore della società Rvm Hub. Photo consultant per fotografi italiani e stranieri e curatore di mostre, tra le quali Five Horizons, la prima mostra internazionale ufficiale sulla carriera dei Pearl Jam; My Dakota di Rebecca Norris Webb; Oniontown di Nadia Shira Cohen. Ha all’attivo la pubblicazione dei due volumi Contatti – Provini d’autore (Postcart Edizioni e André Frère éditions), tradotti in tre lingue. Collabora dal 2010 con Postcart Edizioni. Vive e lavora a Roma.

Agnese Porto è editrice di Rvm Magazine e co-fondatrice di Rvm Hub. Inizia a lavorare con l’Accademia dell’Immagine dell’Aquila (sua città natale) per la quale cura parte dell’organizzazione di eventi e proiezioni per entrare poi nella sezione editoriale della stessa. Si è occupata per anni di organizzazione e comunicazione in ambito culturale per fiere ed eventi e ha lavorato come libraia. Si interessa da sempre di letteratura, editoria, fotografia e arte in generale e ha una vera passione per i vini naturali.

Rvm è un magazine italiano indipendente di fotografia documentaria e altre narrazioni (racconti, illustrazione, approfondimenti). Concepita secondo i parametri della rivista/libro “dall’identità fluida”, pronta ad assumere forme sempre nuove, pone e si pone delle domande, più che dare delle risposte. Rvm è una pubblicazione da collezionare e rileggere, impreziosita da un’esperienza tattile data dall’utilizzo di formati e carte diverse, ciascuna scelta per sposarsi al meglio con le immagini e le parole che vi sono impresse: un invito alla lettura analogica e fisica, che fa della lentezza nella fruizione uno dei suoi aspetti peculiari. Per i primi due anni di attività, l’attenzione di Rvm è rivolta al colore, indagato di numero in numero da un punto di vista cromatico e semantico, quasi come fosse un filtro sulla contemporaneità, un medium: passando dal Red Issue del primo numero, al White Issue del secondo per arrivare al Black Issue.

Rvm ha ricevuto vari riconoscimenti internazionali, tra cui tre medaglie d’oro nel 2018 e 2019 dall’Annual Design Award della The Society of Publication Designers – premio dedicato al design editoriale per le riviste. Nel 2018 Rvm è stato inoltre selezionato nella cinquina finale del Lucie Awards come “Best Photography Magazine of the Year”.

www.rvmhub.com

 

ASSOCIAZIONE CULTURALE DEAPHOTO / Didattica e Progettazione fotografica

Via G.A. Dosio, 84/2 – 50142 Firenze

www.deaphoto.it[email protected] – cell 338 8572459 

Post correlati