Schermata 2022 06 27 alle 17.21.11

Wedding vs Covid. La visione manageriale

Giovedì 7 luglio 2022 | Ore 17.30 – 19.00

Evento digitale

In un panorama vasto ed eterogeneo come quello della fotografia di Wedding, oggi è indispensabile ripensare un nuovo modello di business sostenibile, volto ad attrarre nuovi mercati con atteggiamenti sicuramente più autoriali che in passato. La figura del nuovo fotografo di Wedding non va più considerata come semplice servizio di documentazione al committente ma è sempre più un lavoro di customer service personalizzato e unico che deve interfacciarsi in molti casi con un wedding planner agency, che seleziona i propri fotografi in base ad un criterio meritocratico oltre che economico. Le skill che il fotografo deve avere sono maggiormente indirizzate a nuovi possibili linguaggi creativi e tecnologici, sia in ambito fotografico che video con anche annesso l’intervento di mezzi speciali come il drone. Proprio dall’estremo sud d’Italia un segnale interessante dal punto di vista aziendale viene da un giovane fotografo che con un nuovo spirito sta aggiornando e rendendo più visibile del passato il lavoro storico di famiglia.

Registrati

 

Programma

Introducono

  • Antonio Barrella, Presidente nazionale CNA Fotografia/video
  • Antonella Grasso, Responsabile nazionale CNA Fotografia/video

Relatore del momento formativo: Ivan Schirmenti

Nato a Palermo nel 1983, Ivan Schirmenti entra nel mondo della fotografia all’età di 12 anni come assistente e tecnico delle luci accanto al padre fotografo. La sua grande passione lo porta a studiare fotografia di moda all’estero. Ha sviluppato una passione particolare per i matrimoni, che lo hanno portato a scattare in vari paesi del mondo come Australia, USA, Belgio e Germania fino a diventare nel 2016 Master Photographer. Grazie alla sua crescita professionale nel corso degli anni vince premi a livello sia nazionale che internazionale, guadagnando anche il ruolo di giudice in vari contest.

Ivan ama definire il suo lavoro in questo modo: “le skill all’interno del mio lavoro si basano sul concetto di uno scatto molto curato del soggetto, nell’analisi del contesto fotografico fino all’ottimizzazione dello scatto attraverso lo studio di luci naturali e artificiali combinate. Considero la mia fotografia vivace e personale, grazie all’uso della sottoesposizione e al bilanciamento del flash in condizioni di luci miste.”